“Si comunica che per effetto della Legge n° 24 dell’8 marzo 2017 Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie il sito e i suoi contenuti sono in fase di aggiornamento”Chiudi

Il ricordo di Alessandro Liberati

Il primo gennaio 2012 è morto Alessandro Liberati, medico e uomo di scienza, fondatore del nodo italiano della Collaborazione Cochrane. Alessandro negli ultimi anni aveva assunto a vari livelli responsabilità nel finanziamento pubblico della ricerca clinica.

Da dieci anni era malato di mieloma multiplo e aveva attinto anche a questa esperienza per rendere più incisivo il suo darsi da fare per una medicina e una ricerca più orientate ai bisogni reali dei malati e dei cittadini. Poche settimane fa aveva pubblicato su Lancet una lettera a questo proposito, riproposta nella traduzione italiana per iniziativa di Paola Mosconi sul sito del programma Partecipasalute, di cui Alessandro era stato uno dei promotori.

Personalmente ho fatto molte cose con Alessandro Liberati negli ultimi quindici anni, condividendo  molte delle sue battaglie “per un micro e un macro mondo migliore”. Ma è stato l'ultimo progetto comune, quello di un video sulla “incertezza evitabile” della medicina, basato concretamente sulla sua vicenda, che ci aveva portato a un grado di intimità che ora rende più dolorosa l'improvvisa lontananza. Progetto che vorrei molto riuscire a completare.

Roberto Satolli, Agenzia di editoria scientifica Zadig

 

Alessandro Liberati non ha mai fatto mancare il suo contributo all'attività del Programma nazionale linee guida (PNLG) prima e a quello del Sistema nazionale linee guida (SNLG) dopo. Fondamentale per esempio il suo contributo di idee alla parte più metodologica del Manuale per la stesura delle linee guida.
Così come sono stati preziosi i suggerimenti dati per l'organizzazione della Conferenza nazionale sul governo clinico (tenutasi all'Istituto superiore di sanità il 15 settembre 2011).

In un'intervista rilasciata al Pensiero Scientifico sintetizza bene alcuni messaggi emersi dalla conferenza con una marcata nota di ottimismo per gli sviluppi futuri di un sistema sanitario che garantisca un'assistenza sempre migliore.

Alfonso Mele, Sistema nazionale per le linee guida


Vedi anche: