Impiego della diagnostica per immagini delle lesioni focali epatiche

Il documento (.pdf)


Indice

Introduzione

  • Le principali tecniche di diagnostica per immagini

Metodi

  • Percorso di elaborazione delle linee guida
  • Costituzione del gruppo di lavoro, identificazione degli obiettivi e dei quesiti clinici
  • Criteri di inclusione e di esclusione degli studi
  • Ricerche di letteratura
  • Revisioni sistematiche e documenti primari
  • Altre ricerche
  • Criteri di selezione e strumenti per la valutazione metodologica
  • Estrazione dei dati, sintesi delle prove e formulazione delle raccomandazioni
  • Revisione esterna
  • Aggiornamento, implementazione, monitoraggio e valutazione

Quesiti sull’impiego della diagnostica per immagini delle lesioni focali epatiche

  • Quesito 1: Qual è il ruolo delle tecniche di imaging US, CEUS, TC, RMN e PET nella individuazione delle lesioni focali epatiche in:
    A. pazienti oncologici
    B. pazienti con epatopatia cronica (cirrotici e non)
  • Quesito 2: Qual è il ruolo delle tecniche di imaging US, CEUS, TC, RMN e PET nella diagnosi differenziale, ovvero nella caratterizzazione di lesioni focali del fegato e nella conferma diagnostica, cioè di secondo livello, di lesioni focali del fegato altrimenti diagnosticate in:
    A. pazienti senza patologie note
    B. pazienti con epatopatia cronica (cirrotici e non)
    C. pazienti oncologici
  • Quesito 3: Qual è il ruolo delle tecniche di imaging US, CEUS, TC, RMN e PET nella stadiazione locoregionale delle neoplasie epatiche primitive (numero di lesioni, dimensione, sede, rapporti con strutture anatomo-funzionali e linfonodi)?
  • Quesito 4: Qual è il ruolo delle tecniche di imaging US, CEUS, TC, RMN e PET nella valutazione delle complicanze, della risposta immediata e a lungo termine (follow up) ai trattamenti in pazienti sottoposti a terapie oncologiche (chemioterapie, RFTA e PEI, laser, microonde, TACE, SRT, TAE, crioterapia, chirurgia)?
  • Quesito 5: Qual è il ruolo delle tecniche di imaging US, CEUS, CT, RMN e PET nel follow up delle lesioni caratterizzate come benigne?